Consumo critico

27 Giugno 2007 3 commenti

Sto buttando giù man mano mi viene qualche idea (e quando ho tempo) una specie di “vulgata” del Consumo Critico (senza pretese!). Se vi interessasse lo trovate sul mio sito:
http://wunnish.altervista.org/diario/index.php?page=Consumo%20critico
Chiaramente sono benvenutissimi commenti, critiche, aggiunte…
Gli aggiornamenti saranno saltuari, quindi ogni tanto tornateci!
Riferimenti: Wunnish!

Un "tranquillo" pic-nic

13 Maggio 2007 1 commento

L’altro giorno vista la bella gioranta abbiamo deciso di fare un pic-nic. Abitando a Parma, il luogo prescelto è il parco “Cittadella”, uno dei pochi dove ci siano dei tavoli utilizzabili allo scopo. Partiamo da casa in bicicletta, un po’ maledicendo le torme di ragazzi che, usciti da scuola, rombavano con i loro motorini fuorilegge smarmittati.
Giunti finalmente in prossimità delle mura che circondano il parco la nostra attenzione viene attratta da una musica decisamente fastidiosa che proviene dall’interno. Entrati il timore diventa realtà. L’interno era stato trasformato per una “Art fest” o qualcosa di simile in una sorta di campo di battaglia su cui troneggiavano due palchi con giganteschi altoparlanti che sparavano su una folla (sparuta) di ragazzi (che dalla quantità di bottiglie di birra sparse sui prati non penso fossero proprio sobri) valanghe di decibel, in barba alle “zonizzazioni acustiche” che il comune dovrebbe far rispettare (a, è vero, siamo in campagna elettorale…).
Morale, abbiamo dovuto cercare un’altro parco (chissà poi perchè tutte le panchine sono al sole…). La domanda che mi pongo è se per il divertimento (ma se si divertivano tanto, perchè dovevano stordirsi con i decibel e la birra?) di alcuni si può impedire di fruire di un diritto a tutta una città (i parchi sono un diritto per i cittadini, l’unico barlume di Selvatico che possono trovare).
Visto che non c’è risposta approfitto per ricordare l’Incontro Nazionale dei panificatori a lievitazione naturale. Per informazioni guardate qui:
http://wunnish.altervista.org/diario/index.php?page=INCONTRO%20NAZIONALE%20DEI%20PANIFICATORI%20A%20LIEVITAZIONE%20NATURALE

Cucinare con il sole

1 Maggio 2007 3 commenti


Con la speranza che diventi il “tormentone” dell’estate, ho deciso di adeguarmi all’ultima moda in fatto di decrescita, l’uso del sole per cucinare! E’ un modo per risparmiare energia nel nostro paese. Ma la diffusione di questo metodo può essere molto importante per i paesi poveri, dove poter pastorizzare l’acqua o cuocere dei cereali è di vitale importanza e non sempre è possibile in altri modi. Se vi ho incuriosito potete leggere la mia esperienza, oppure quella di Vera
Riferimenti: The Solar Cooking Archive

Ancora sulla Rete Bioregionale Italiana

23 Aprile 2007 1 commento

Finalmente ecco una definizione di questa Rete:
La Rete Bioregionale Italiana, nata nella primavera del 1996,  è un insieme di gruppi, associazioni, comunità e singole persone che condividono lidea bioregionale e in prima persona, nel proprio luogo, si danno da fare per praticarla.

La Rete  è un terreno comune per condividere idee, informazioni, esperienze, progetti ma anche emozioni, al fine di sviluppare forme e pratiche – culturali, sociali, spirituali, politiche ed economiche – appropriate di vita in armonia con il proprio luogo, la propria bioregione, le altre bioregioni e lintera terra.

La Rete è ispirata dal concetto di bioregione, aree omogenee definite dallinterconnessione dei sistemi naturali e dai viventi che le abitano. Una bioregione è un insieme di relazioni in cui gli umani sono chiamati a vivere e agire come parte della più ampia comunità naturale che ne definisce la vita.

Direi che la decrescita viene pienamente espressa, con il presupposto del legame con il territorio in cui si vive. Questo presupposto è, secondo me, fondamentale per tutti i discorsi sulla “sostenibilità ambientale” e sulla decrescita felice. Ognuno deve conoscere e avere la propria collocazione completa (lavoro-famiglia-divertimenti…) nel luogo dove vive. Questo legame può anche essere valutato. Con un questionario! Lo trovate qui:
http://selvatici.noblogs.org/post/2007/03/25/wendel-berry
A qualche domanda riesco a rispondere “Sì”… ma a molte altre purtroppo no. Il lavoro è lungo!

Animali e Decrescita Felice

13 Aprile 2007 Commenti chiusi

Volevo qui inserire una richiesta che apparentemente non rientra molto nel quadro della Decrescita… ma nell’ottica di una felicità diffusa a tutti (animali compresi) può essere importante.
Detto in poche parole qualcuno obietta che il rispetto dovuto agli animali sia di diritto per quelli “da compagnia”, mentre non riguarda quelli “da cortile”. Se vi ho incuriosito e questa distinzione dà fastidio anche a voi potete approfondire sulla pagina indicata sotto.
Riferimenti: http://www.forumetici.org/viewtopic.php?p=44642#44642

Doverosa precisazione

12 Aprile 2007 1 commento

Visto che ho fatto un po’ di confusione fra Rete Bioregionale e CIR riporto questa doverosa precisazione di Renato:
Ciao Riccardo, bello avere il seminasogni in rete, ma ho una precisazione IMPORTANTE da farti: CIR e Rete Bioregionale sono due cose differenti seppure in sintonia, la Rete Bioregionale ha come bollettini informativi “Lato Selvatico” e “Quaderni di Vita Bioregionale”…. la Rete Bioreginale ha una visione propria, molto vicina a quella dell’ecologia profonda, se vuoi ti mando un po di documenti della Rete Bioregionale… questa confusione non nuoce ma non penso che a molti partecipanti al CIR interessino i rapporti tra le “energie” umane e non umane o il cercare lo spirito del “posto”, ma sono entrambi da tempo sul sentiero della decrescita, prima che il termine decrescita fosse coniato

Visto che penso l’argomento interessi anche altri e che su Internet si trova poco, siamo tutti d’accordo a chiedere a Renato i documenti proposti, vero?

Approfitto per segnalare questo “elenco” delle pubblicazioni delle varie reti e associazioni “per la Terra”:
http://www.terre.it/giornale/articoli/83.html
Riferimenti: L’articolo incriminato…

Il Seminasogni

5 Aprile 2007 Commenti chiusi

Nelle Marche si trova una Rete Bioregionale che pubblica un bollettino (un po’ come il CIR). Finalmente questo bollettino (intitolato appunto “Il Seminasogni” e sottotitolato “finchè ognuno li kolga”, ovvero F.O.L.K.
La loro rivista è scritta a mano e contiene racconti ed esperienze degli aderenti a questa rete, fiabe, informazioni di vario genere. Purtroppo il file PDF che lo contiene è un po’ troppo grosso per essere scaricato con un modem analogico… quindi non l’ho ancora potuto leggere! Però appena ho l’occasione di avere una connessione decente non mancherò certo. Chi può godere di una ADSL lo scarichi subito!
http://www.qualchicco.it/bio/seminasogni.htm
Riferimenti: Il Seminasogni

Incontro CIR a Campanara dal 20 al 25 aprile

23 Marzo 2007 Commenti chiusi


Volevo segnalare questo articolo su cosa sia il CIR (sicuramente più chiaro del mio di qualche giorno fa):
http://selvatici.noblogs.org/post/2007/03/11/incontro-cir

Il prossimo incontro del CIR sarà a Campanara, comune di PALAZZUOLO SUL SENIO (FI). Trovate i dettagli su questo post del loro blog:
http://cir.splinder.com/post/11297716

Riferimenti: Blog CIR

Nobel per la Pace a Gino Strada

23 Marzo 2007 5 commenti


Confesso che mi piacerebbe. Vedere riconosciuto finalmente l’operato di chi ha lottato contro la guerra e le sue terribili conseguenze, cercando di risolvere i problemi (con ago, filo e protesi) che i governi creano per i loro interessi, sarebbe bellissimo. Forse è ingenuo, però anche una “petizione on line” potrebbe smuovere qualcosa. Quindi segnalo questa iniziativa:
http://www.petitiononline.com/ginostra/petition.html

(La foto è tratta dal sito http://www.nis.wvu.edu/2005_Releases/strada.htm)

Riferimenti: Nobel per la Pace a Gino Strada

Corrispondenze Informazioni Rurali

20 Marzo 2007 1 commento

ERRATA-CORRIGE
Uno dei pochi gruppi di persone che, dal mio punto di vista, praticano realmente la decrescita sono gli aderenti alla Rete Bioregionale, che vede nel CIR (Corrispondenze Informazioni Rurali) il loro bollettino informativo. Fino a qualche tempo fa spedito per posta, dall’ultimo numero (N° 17) è stato reso disponibile in formato PDF. Questa scelta, così come quella di attivare un blog penso vadano a vantaggio di tutte quelle persone che non avendo rapporti diretti con aderenti a questa Rete possono ora conoscere le iniziative e le attività (spesso veramente esaltanti!) di questo gruppo.

Riporto queste parole di Renato:

Agli incontri partecipano, in numero variabile, donne e uomini che compongono un vero e proprio caleidoscopio di “biodiversità” umana e che arrivano al CIR per sentieri differenti.

Ci sono quelli/e che per semplicità definisco “curiosi/e”, cioè che spinti proprio dalla curiosità per uno “stile di vita” immaginato o desiderato in antitesi al vissuto, arrivano per vedere, ascoltare, sentire con i propri sensi. A volte, alcuni/e subiscono il contaggio: dopo qualche tempo li ritrovi in qualche casa spersa tra i boschi, a sperimentare, a provare, a faticare.

Ci sono i nomadi, quelli/e che transitano, che sono alla ricerca e non sai se cercano per trovare o per cercare… Hanno scelto questo “stile di vita” senza posizionarlo in un luogo preciso, nel posto del cuore, e vivono per periodi brevi o lunghi nei luoghi che li ospitano, condividendo il presente e limmaginario, partecipando e lavorando ma andandosene prima o poi.

Per tutte queste persone gli incontri del CIR sono occasione di reciproca conoscenza, di scambio, di festa, di solidarietà. Stimolano nuove curiosità, permettono nuovi contatti, nuovi incontri.

Riferimenti: Il Blog del CIR

echo '';